02/06/11

ACQUA

tu
indicibile forma
tu
creatura dei gorghi
tu
stelllata regina dei cieli incavati

tu


che colmi col latte i seni dei monti
tu
corrodi con furia ancestrale
le gole dei monti
tu
che ti insinui, levighi e scavi
tu accogli l'argenteo pianto disceso dall'alto
a coppa incurvi le mani
una culla al mistero che serbi
Lo inondi del giallo dei ranuncoli in fiore
lo bagni ,lo vegli,lo culli
poi
espolodi e germini il mondo.